GUIDO SALVETTI LA NASCITA DEL NOVECENTO PDF

Find out the specials proposed by Limenmusic. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. Salvatore Sciarrino and Salvatore Accardo, who talk about their personal relationship with Quartetto Prometeo. During the lesson Danilo Rossi will talk about his latest discografical production, in collaboration with the italian pianist Stefano Bezziccheri: Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. Dl to display Facebook posts. Valeria Mariconda Asciolla then gave the instrument to Danilo Rossi, according to the will of her husband.

Author:Vorr Gardakus
Country:French Guiana
Language:English (Spanish)
Genre:Science
Published (Last):17 July 2015
Pages:365
PDF File Size:1.16 Mb
ePub File Size:15.70 Mb
ISBN:764-7-92392-167-1
Downloads:42769
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Mebei



Per affrontare il periodo del Novecento musicale, non si pu ignorare la complessit culturale, politica e sociale dellepoca. Muoiono antiche civilt, sistemi di vita diversi da quelli occidentali, sistemi di produzione diversi da quelli capitalistico-industriali.

Tutto ci favorisce la nascita di alcuni fattori ideologici tipici di quegli anni, come ad esempio lesaltazione della tecnica produttiva industriale della civilt occidentale vista come la pi avanzata della razza bianca e come portatrice di questi valori. La grandiosit diviene limmagine artistica centrale di questa cultura, sviluppandosi cos una vera e propria psicologia delle masse che coinvolge anche le classi lavoratrici.

Il progresso economico e la potenza degli Stati, per, portarono con s alcuni elementi di profonda crisi, principalmente due: la minaccia di guerra incombente e lacuirsi della questione sociale. Dopo il , infatti, crebbe una schiera di giovani che per si sentivano estranei alla loro epoca: ovvero, gli uomini subirono quello che Freud chiama il disagio della civilt, un rifiuto istintivo della societ contemporanea, del mondo della scienza e della tecnica.

La crisi della ragione scientifica comport lesaltazione delle possibilit conoscitive di ben diverse facolt dello spirito; Baudelaire, ad esempio, fu un precursore di questa crisi con il Simbolismo, quindi, con lesaltazione dellarte come linguaggio misterioso, capace di penetrare nelloscurit del tutto. In questo clima, fiorisce tutta una fitta trama di scambi fra le arti: la pittura degli Impressionisti, la musica di Wagner, la psicoanalisi di Freud, i romanzi di Joyce, Kafka e Svevo.

Per, la polemica nei confronti della scienza solo uno dei tanti aspetti del pi generale rifiuto della civilt da parte dellintellettuale. Il Dandy ed il Bohmien, ad esempio, mostrano nutrire in pari misura una profonda nevrosi nei confronti delle masse. Tradotto in italiano suona un poco come "goliardico". Ci non toglie che tra un dandy e un bohemien possa esistere la pi squisita tra le amicizie. Il dandy colui che, invece, ricerca la perfezione estetica e che ostenta eleganza.

Si defin Estetismo la sofferta tensione di molti giovani verso una vita che fosse unopera darte; dallestetismo discende la fuga dal presente verso un passato delezione: ellenismo e forme pure dellarte, etc. I decadenti non hanno per una meta prefissata, ma la loro fuga diviene sempre pi una fuga dalla civilt europea.

Una caratteristica della Musica di quegli anni era anche la progressiva omogeneit culturale che caratterizza il periodo della massima espansione del capitalismo europeo ed extra-europeo. Unoccasione nuova ed insolita nella vita musicale venne offerta anche dalle frequentissime esposizioni industriali che ospitavano regolarmente manifestazioni musicali: come ad esempio lEsposizione Generale di Torino e lEsposizione Universale di Parigi ; esposizioni che riguardavano lindustria, lagricolture e le belli arti e che venivano animate da feste e spettacoli.

In questa fase di espansione mondiale, leditoria svolse un ruolo di primaria importanza; proprio per la potenza economica necessaria a sostenere questo sviluppo, le scelte delle Case Editrici divennero sempre pi determinanti nellindirizzare il pubblico internazionale allascolto di determinate musiche di determinati autori, con determinati interpreti.

Ma allora nacque soprattutto un nuovo divismo: quello del direttore dorchestra, a cui contribuirono alcuni fattori ideologici del tempo, tra cui il culto dellindividuo eccezionale, del capo carismatico, etc.

Sono molti, quindi, gli aspetti di omogeneit nella vita musicale di quel periodo che era, oltretutto, indirizzata ad espandersi sempre pi su scala mondiale. Il fattore veramente unificante fu rappresentato dal Repertorio e, lelemento imponente di unificazione, fu Richard Wagner.

Investito di un preteso dominio mondiale musicale, culturale e persino politico, fu prima un anarchico rivoluzionario in questo contesto conosce anche Bakunin , con attacchi violenti nei confronti dellorganizzazione sociale, mentre successivamente si converte agli ideali dellaristocrazia reazionale; viene promosso come compositore nazionale e divenne il rappresentante della politica culturale dellImpero Tedesco a partire dalla sua fondazione Il culto di Wagner trascese i limiti del nazionalismo tedesco e rappresent un fatto culturale che invest ogni aspetto della vita musicale internazionale.

Nietzsche, quando la musica di Wagner era ormai assurta nella coscienza pubblica a un rango spirituale, con disprezzo accus Wagner di essere uno stregone e di trattare la musica come un allucinogeno sonoro; o, addirittura, Karl Marx lo beffeggiava denominandolo il musicante di Stato.

Il compositore, nella sua residenza di Bayreuth, nel , oltre ad incontri di musicisti, diede vita ad un Circolo per diffondere lopera del teorico del razzismo Gobineau, il primo esempio di una visione storica dispirazione razzista e che affermava, soprattutto, la superiorit della razza ariana. Nacque, cos, il Festival di Bayreuth che fu lespressione pi vistosa del culto di Wagner.

Da qui, dilag la concezione sacrale del teatro musicale, considerato un vero e proprio tempio della musica; Limponenza della tradizione tedesca nella formazione del Repertorio confrontabile solo con lOpera Italiana e con autori del calibro di Rossini, Bellini, Donizetti e Verdi. Le maggiori tensioni contro legemonia tedesca ed italiana vennero dalla Francia, ma per anni entrarono nelle strutture ufficiali soltanto quelle novit che dimostravano omogeneit con i valori consolidati.

Mahler e Strauss furono amati anche perch furono direttori dorchestra del repertorio sinfonico-tedesco. Anche i musicisti furono investiti dalla crisi del rapporto societ-artista; Si parla, infatti, di periodo di avanguardie; un periodo che vede tutta la generazione di decadenti attorno a Debussy e contro la stupidit borghese; mistici come Skrjabin compositore russo che affermano il principio della creativit dello spirito; e, Schoenberg, contro il tradizionalismo ed il perbenismo del pubblico.

I musicisti si trovarono a militare, fianco a fianco, con letterati, pittori e architetti, con proclami e manifesti creati dai Futuristi; un esempio costituito da Il Manifesto del futurismo, scritto da Filippo Tommaso Marinetti e rilasciato in forma declamatoria per fornire una raccolta concisa di pensieri, convinzioni e intenzioni dei Futuristi il 5 febbraio Lavanguardia, per, significa anche solitudine e dialogo interiore, come nel caso di Debussy ma anche dei testi poetici di Baudelaire , e significa pure avere delle visioni mistiche, come nel caso dellultimo Skrjabin.

In particolare, la sostanza della crisi tra musicista e pubblico risiede nel linguaggio; in quel periodo, il musicista come anche il poeta o il pittore non riesce pi ad adeguarsi alle aspettative che gli giungono allesterno.

Inoltre, la crisi della civilt musicale europea pu essere presa in considerazione ed esaminata anche come la crisi dellegemonia colta sugli altri livelli dellesperienza musicale.

Ci avviene quando lautore colto si spoglia delle prerogative dello stile elevato. Su questa via, anche per il dialogare dei ritmi sudamericani tango e rumba e della melodia del Jazz, il Primo Dopoguerra in Francia sancisce, per alcuni anni, la morte della musica colta. In questo contesto culturale, il passaggio al Novecento musicale profondamente segnato dallavvento del Jazz. C una storia del Jazz che appartiene soprattutto al popolo negroamericano: i canti di lavoro ovvero, le work-song , i canti damore rappresentati dallo stile del blues , i canti religiosi ovvero, gli spirituals.

La guerra di successione, la schiavit negra e la tradizione africana in s, sono tutti elementi che concorsero alla formazione del nuovo linguaggio musicale e di quello che pi tardi verr chiamato, in maniera dispregiativa, Jazz osceno.

Ancor prima che apparisse il nome Jazz, il pianoforte fu il protagonista della prima diffusione di quel gusto, mediante la forma musicale denominata rag-time tempo stracciato ; lo stile rag fortemente ritmico, basato su unincessante percussione di accordi della mano sinistra in ritmo sincopato e su fioriture rapidissime della mano destra.

Fin dai tempi del rag, questa musica ebbe il suo ambiente naturale nei caff, nelle sale da ballo e nei bordelli, divenendo limmagine stessa del divertimento. Chicago, New York e San Francisco divennero il centro della diffusione del Jazz, ormai suonato anche dai bianchi e divenuto oggetto dellattenzione di editori ed impresari.

Intorno al , sempre ad opera delle grandi imprese americane, decoll un nuovo mezzo di diffusione sonora: la Radio. Crebbe, cos, anche il ruolo culturale degli Stati Uniti, perch fu proprio nel segno del Jazz che essi seppero imporre una propria estetica nella musica e, allo stesso modo, anche nel cinema.

Mass Media. Capitolo 2. Parigi In Francia, oltre gli intellettuali inseriti nelle strutture ufficiali universit, accademie, musei, teatri , vi erano gli intellettuali che non avevano voluto entrare in queste istituzioni, per cui dovettero fare i conti con difficolt quotidiane e di miserie: come, ad esempio, Victor Hugo, Honor de Balzac ed Emile Zola, i pittori impressionisti, Baudelaire I fiori del male, , e Verlaine.

La musica svolse un ruolo centrale e decisivo rispetto alle manifestazioni letterarie e figurative del decadentismo francese; e ci avvenne con la musica di Wagner che Baudelaire amava e considerava un tumultuoso canto della carne.

Per lui era unarte delleccesso mistico e dellabisso, dellascesa dalla profondit infernale alla sublimit paradisiaca.

Le maggiori difficolt di fronte a Wagner le ebbero gli altri musicisti, i quali si trovarono di fronte ad un modello cos grandioso. Csar Franck, ad esempio, rimaneva confinato nella cattedra di organo e di improvvisazione organistica perch linsegnamento ufficiale in Conservatorio era soprattutto destinato alla formazione di organisti.

Negli stessi anni, era in pieno svolgimento la battaglia culturale dei sinfonisti, dei wagneriani e degli armonisti e, strumento di questa battaglia, fu la Scuola di Musica Classica e Religiosa, fondata nel da Niedermeyer che educ tutta la generazione dei Saint-Saens, dei dIndy e dei Faur, allamore di Beethoven, dei romantici Tedeschi e del francese. Nella stessa direzione si mosse, nel , la Schola Cantorum, sorta per diffondere il canto gregoriano e la polifonia classica, divenuta con dIndy un luogo di educazione al sinfonismo e del messaggio wagneriano; cio, anche in Francia, per avere unarte nazionale, ci si sarebbe dovuti basare su miti e canti della tradizione popolare francese, in analogia con quanto compiuto in Germania nelledificazione di un teatro nazionale.

Lo stesso dIndy compose, nel , la sinfonia Cvenole su un canto montanaro francese. Accanto alla musica strumentale del Romanticismo tedesco, si aggiungevano le composizioni di giovani autori francesi, stimolati ad impegnarsi per lArs Gallica della Societ Nationale de Musique, fondata nel da Franck e Saint-Saens.

Ad esempio: Franck, nel , compone, proprio su poema di Victor Hugo, un pezzo intitolato Ce quon ented sur la montagne, successivamente, nel , il poema-sinfonia Redemption , nel , loratorio Les Beatitudes ed un Quintetto con pianoforte, mottetti, messe ed inni.

Con gli anni 80, Franck si ispir ad un cromatismo esasperato, spaziando dalluna allaltra scrittura: a questo proposito, il caso di citare, ad esempio, la Sinfonia in Re min, la Sonata in La magg per violino e pianoforte ed i Poemi Sinfonici, la Chasseur Maudit e Les Djinns.

Alexis Emmanuel Chabrier : Guendoline e Ltoile ; egli ricerc lo spirito francese introducendo anche rievocazioni del galante; i pezzi pianistici, Bourre Fantasque e Pices Pittoresques; ma attinse anche dal folklore spagnolo per Espana Ernest Chausson : scrisse delle Meldies per canto e pianoforte su testi di Verlaine; concordava con Debussy sulluso dei grandi silenzi; Pome de lamour et de la mer Camille Saint-Saens : fu un organista e pianista, molto amico di Listz e catturato dallo stile wagneriano; predilige toni salottieri e spesso indulge a sfoggi di virtuosismo come nella sua Terza Sinfonia del o il Quinto Concerto per pianoforte ed archi; ha la caratteristica di passare da momenti di irruente passionalit a episodi ironicamente scherzosi.

Intorno al , il contributo di rinnovamento, dato da Franck, Saint-Saens e dIndy, pu dirsi del tutto esaurito nello stesso momento in cui la battaglia wagneriana di fronte ai pubblici parigini risulter vittoriosa. Questa generazione di musicisti rappresent, in pratica, un nuovo accademismo.

Un caso singolare quello di Gabriel Faur ; la sua figura di musicista sostanzialmente solitaria ed estranea alle istituzioni che davano grande notoriet. Per il teatro scrisse, nel , Promethee,mentre, per lorchestra scrisse una Sinfonia in Re min, il Requiem In lui, comunque, vi era una totale assenza di complicazioni estetiche, ma semplicemente solo un desiderio di chiarezza delle immagini e di una cantabilit semplice. La fama di Debussy, invece, risale a due periodi distinti: una prima interpretazione port a vedere Debussy come lequivalente in musica del simbolismo e dellimpressionismo in arte Tardo-romantico ; si per evidenziato il rigore formale delle sue costruzioni e si afferm la tendenza storiografica di far iniziare proprio da Debussy il Novecento Musicale.

Debussy rifiutava la moda corrente del gran pubblico francese, odiava la grossolanit e la sua fu unesigenza di bellezza pura; infatti, frequent letterati come Oscar Wilde, Mallarm, Baudelaire, Edgar Allan Poe. La grandezza di Debussy consiste nellaver costruito su questi motivi culturali una ricerca specifica di linguaggio musicale che avrebbe potuto incarnare questo ideale estetico. Nel vinse il Prix de Rome una borsa di studio istituita dallo stato francese per gli studenti pi meritevoli nel campo delle arti , ma in lui si manifest unavversione verso le regole accademiche al punto che assunse sempre pi i connotati del bohmien e molte ispirazioni gli vennero dalla letteratura di Baudelaire, con le metafore e le allusioni simboliche.

Nascono cos alcune categorie del suo stile: le suggestioni multiple degli accostamenti allusivi con lAprs midi dun faune e Pellas, Suite Bergamasque, Clair de lune, Petite Suite. Dopo un periodo di gravi difficolt economiche e sentimentali, Debussy ritrova il successo con i Nocturnes per orchestra, Trois scene au crepuscule. Le principali intenzioni che guidano la ricerca di Debussy sono in tutto 3: 1 rendere la musica capace di alludere allinesprimibile; 2 avvolgere la musica nellombra da cui proviene e alla quale ritorna; 3 la concezione del silenzio come struttura di importanza pari al suono.

Il successo, anche finanziario, mut notevolmente la vita di Debussy, tant vero che gli anni da bohemien possono considerarsi conclusi. Malgrado tutto, per, era comunque inquieto, per il tentato suicidio della prima moglie che lui aveva lasciato, e questo gli fece rompere i rapporti con tutti gli intellettuali fino a quel momento frequentati; inizi cos a soffrire per quella malattia ai polmoni che, nel giro di 9 anni, lo uccider.

Questa inquietudine si riflesse anche nelle scelte creative: scrisse La mer con procedimenti costruttivi rigorosi, Gioco donde, e Dialogo del vento e del mare con cupi fremiti dei bassi, dimostrando come vi fosse in lui una vera e propria lotta tra lordine e il caos.

Lultimo Debussy, invece, si prest ad accise di dispersivit perch, ad esempio, avrebbe dovuto scrivere 3 opere per il Metropolitan ma non le complet. Lopera pi importante dellultimo periodo il balletto Jeux, il punto estremo della ricerca debussiana sul ritmo.

Per quel che riguarda la produzione pianistica, essa risent delle esperienze che Debussy affront negli altri generi, e lo stile fu definito arabesco Deux Arabesque, ; i Preldes e rappresentano una inaudita ricchezza di immagini timbriche. Tra le opere estreme, visto che Debussy cesser di comporre nel , vanno ricordati i Douze tudes per pianoforte, con cui i 12 fini didattici diventano stimoli a diverse immagini sonore e sono dedicati a Chopin.

La battaglia culturale di Debussy pu dirsi vinta nei primi anni del , mentre Ravel mosse i primi passi in un clima culturale ben diverso da quello di Debussy. Ravel si present per parecchi anni al Prix de Rome e, nonostante non riusc mai a vincerlo, proprio questa partecipazione gli diede la notoriet che poi ebbe.

Larte di Ravel non tendeva ad una fusione con le altre arti, non era infatti per nulla simbolista o impressionista; bens, con Habanera e Bolero si posero le basi del suo spagnolismo, con un ritmo fortemente accentato e movimenti ostinati di danza. La prima grande stagione compositiva di Ravel si colloc tra il e il , quando compose per pianoforte Miroirs, la Sonatine, le liriche delle Histories Naturelles, Rapsodie e lHeure Espagnole.

E significativo notare come molti brani scritti per pianoforte siano stati poi trascritti per orchestra dallo stesso Ravel: segno che il suo pianismo talmente definito e chiaro da poter essere analizzato anche dai timbri dellorchestra. Un ultimo aspetto che caratterizza il gusto di Ravel la rivalutazione delle funzioni armoniche; anche se in Ravel compaiono accordi dissonanti pi arditi di quelli di Debussy, essi tendono a comportarsi come accordi consonanti a cui sono state aggiunte le note corrispondenti delle armonie pi lontane, in modo che gli accordi dissonanti si colleghino tra loro.

In una zona meno rigorosa di ricerca modernista, si potrebbe forse inserire la componente classica della Sonatine del o del Tombeau di Couperin.

La popolarit di Ravel si affid in particolare alle grandi partiture orchestrali, ma sar soprattutto il Bolero ad andare incontro al grande pubblico. Dopo il , laggravarsi delle condizioni fisiche a causa di un incidente stradale, un ictus e unatrofia cerebrale imped quasi del tutto a Ravel di continuare a lavorare e, cos, il suo congedo dal mondo della musica avvenne nel segno di un estremo modernismo coniugato con un riconoscente desiderio di espressivit e ricerca di un ordine antico.

Negli anni di Debussy e Ravel giunse a piena maturazione lo scambio culturale tra la musica spagnola e quella francese, e fu con Manuel de Falla compositore spagnolo che questo processo diede un esito di assoluta originalit. A Parigi, egli matur la prima serie di importanti composizioni come i balletti di Diaghilev impresario teatrale russo El sombrero de tres picos e Noches en los jardines deEspana; Successivamente, a causa della guerra civile, si trasfer poi in Argentina dove lavor allopera Atlantide che per rimase incompiuta.

Una decisiva svolta nello stile di de Falla avvenne con la Fantasia btica per pianoforte, dalla quale si pu notare come il compositore si distacc dai ritmi e dalle melodie andaluse per proporre, invece, uno spagnolismo pi essenziale e lineare. In quel periodo, comunque, molti sono stati gli elementi di rinnovamento e cambiamento che hanno riguardato le arti in generale ed in maniera progressiva e costante; si visto anche come nella produzione di Debussy e Ravel ci sia stato un deciso superamento dellimpressionismo simbolista e bisogna, di conseguenza, notare come ci avvenne anche nelle arti con Van Gogh, Gauguin, Cezanne e soprattutto con il Cubismo e con Picasso Les demoiselles dAvignon, , con il Futurismo Marinetti e la sua distruzione delle immagini materiali e con Freud e le sue libere associazioni del pensiero lasciato libero.

La musica francese recep una serie ricchissima di stimoli dalle avanguardie letterarie e pittoriche indirizzate verso un rinnovamento radicale sia nella poetica che nel linguaggio. Una ventata di rinnovamento avvenne con i Ballets Russes di Diaghilev, il quale diede pari importanza a tutti gli elementi costitutivi del balletto: coreografia, scenografia e musica; ovvero, una vera e propria fusione delle arti da realizzarsi nel Balletto.

Su questa scia furono tanti i musicisti davanguardia che trovarono slancio internazionale proprio nei Balletti. Ad Igor Stravinskij , ad esempio, Diaghilev commission la trascrizione di alcuni brani di Chopin per il balletto Les Sylphides e Loiseau de feu, con elementi di vivace colorismo orchestrale e riferimenti orientaleggianti. Nel frattempo a Stravinskij venne in mente unidea strumentale in cui il pianoforte compisse evoluzioni acrobatiche: si trattava della nascita dellidea di base di Petrouschka, in cui la tonalit tradizionale viene abbandonata a favore di scale modali difettive cio mancanti di alcuni dei sette suoni, e spesso ridotte allambito di quarta o di quinta , la mano destra suona i tasti bianchi e quella sinistra i tasti neri, e il pianoforte viene trattato in modalit percussiva.

Le melodie popolari, in questo ambito, non costituiscono un materiale che viene trasposto in un contesto colto; esse appaiono, invece, nel loro proprio ambiente linguistico provocando forti discontinuit stilistiche. Nel , Stravinskij si stabil presso il lago di Ginevra e, per reazione a questa situazione desilio, si riaccese in lui linteresse per la tradizione popolare russa; compose, infatti, Les Noches Le nozze per 4 pianoforti e coro e Renard , in cui Stravinskij persegu la pi netta dissociazione dei vari elementi, ovvero della poesia, della musica e della scena, per ottenere una sorta di liberazione di ognuno di questi elementi.

LEADERSHIP CHARISMA BUD HANEY PDF

GUIDO SALVETTI LA NASCITA DEL NOVECENTO PDF

Melodramma in tre atti. Libretto di A. Somma, musica di Giuseppe Verdi, ed. Salvetti, Torino, Utet, Alle pp. Allorto, M. Leali e G.

COMMAX DRC 4MC PDF

Guido Salvetti

.

JUDO JODO JEETO BOOK PDF

Storia della musica. 10.La nascita del Novecento

.

Related Articles